È di 50000 euro il finanziamento ricevuto dalla “compagnia 3001” per la sceneggiatura -segnalata ieri dal prof Introvigne – in cui gli allievi del plesso Gobetti di Settimo sono costretti a recitare le parti dei parlamentari contrari al riconoscimento delle coppie di fatto sentendosi appellare con i termini come “esclusione” “disprezzo” “pregiudizio”.
50000 euro assegnati con un bando per le pari opportunità ma che in realtà sono destinati ad una vera e propria discriminazione della famiglia naturale inaccettabile e preoccupante. Poiché le discriminazioni vanno condannate tutte non possiamo ammettere che vengano dipinte come esempio di pluralismo delle sceneggiate fatte ad arte contro la libertà di pensiero e, cosa ancor più grave, facendo uso strumentale di minori.
Per questo ho presentato un ordine del giorno che, anche a seguito delle polemiche di questi giorni, chiede di rivedere il finanziamento accordato in quanto non rispondente alle finalità del bando.
Abbiamo fatto un accesso agli atti per acquisire tutti i progetti assegnatari di finanziamento dal bando di pari opportunità per verificare che i fondi abbiano una destinazione congrua e non vadano invece ad alimentare una vera e propria discriminazione ai danni della famiglia naturale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*